L’incontinenza femminile
PERCHE’ DOPO I 40 ANNI?

Può capitare che dopo i 40 anni per una donna insorgano i primi problemi legati all’incontinenza urinaria, segnale di un disturbo in corso o, più spesso, correlata a gravidanze o parti naturali traumatici.

L’incontinenza urinaria, cioè la perdita involontaria di urina, colpisce oggi in Italia molte donne “over 40”. Le motivazioni possono essere molteplici. I problemi possono essere dovuti a eventi stressanti che hanno comportato repentini aumenti o diminuzioni di peso, a situazioni di stitichezza o al sopraggiungere dei primi sintomi della menopausa. Spesso, i problemi dell’incontinenza sono legati all’esperienza di gravidanze e di parti naturali traumatici durante i quali il passaggio del feto può aver provocato danni – temporanei o permanenti – sia a livello muscolare sia nervoso. Nella maggior parte dei casi si tratta di una condizione reversibile ma nei casi meno fortunati può cronicizzare e diventare un problema di grande impatto sulla qualità della vita.  Il disagio psicologico dovuto all’incontinenza urinaria, infatti, può portare all’isolamento, ad evitare i luoghi in cui non si ha la certezza della disponibilità di servizi igienici, a limitare i rapporti sociali per la paura del cattivo odore o a evitare i rapporti sessuali con il partner. Il primo passo da fare è sicuramente affrontare con serenità e senza alcuna vergogna la problematica parlandone con il proprio medico. Inoltre, ci sono diversi esercizi fisici tesi a rafforzare i muscoli del pavimento pelvico che possono migliorare la situazione e, di conseguenza anche la quotidianità.

Ti è stato utile questo articolo?

La tua opinione è importante: lascia un commento che aiuti a migliorare i nostri contenuti.

Nome*:
Cognome*:
E-mail*:
Recapito telefonico:
Messaggio*:
Informativa:

Autorizzo ai sensi della legge 675/96 il trattamento dei dati personali trasmessi.
I campi contrassegnati da * sono obbligatori.

Ti potrebbe interessare