Noi la chiamiamo incontinenza maschile, ma si tratta della manifestazione visibile di dinamiche molto più variegate e complesse che accadono dentro al nostro corpo; spesso passeggere, talvolta più complicate, ma sempre da analizzare e valutare attraverso diagnosi specialistiche. Riassumiamo le più utili e diffuse.

La diagnosi dell’incontinenza maschile
GLI ESAMI NON TRADISCONO MAI

Noi la chiamiamo incontinenza maschile, ma si tratta della manifestazione visibile di dinamiche molto più variegate e complesse che accadono dentro al nostro corpo; spesso passeggere, talvolta più complicate, ma sempre da analizzare e valutare attraverso diagnosi specialistiche. Riassumiamo le più utili e diffuse.

Per una diagnosi di incontinenza maschile sono sufficienti pochi elementi, che anche il medico di fiducia può riunire: raccolta anamnestica completa, esame obiettivo accurato, esame delle urine. In caso di perdite di urina dopo intervento chirurgico o radioterapia, dolore pelvico intenso o patologie neurologiche è sempre preferibile, per la diagnosi dell’incontinenza, fare anche una telefonata allo specialista di fiducia.

STEP 1: ANAMNESI. Il primo passo verso una pronta diagnosi e  guarigione risiede nella precisione delle domande, e nella giusta interpretazione delle risposte. Per questo una corretta raccolta anamnestica deve comprendere la descrizione delle modalità di presentazione dell’incontinenza, la frequenza e la quantità delle perdite (da annotare in un apposito diario minzionale), la presenza di sintomi associati (bruciore, fastidio ad urinare, presenza di sangue nelle urine), eventuali fattori favorenti o scatenati (colpi di tosse, sforzi fisici), la presenza di stitichezza, disfunzioni sessuali, eventuale presenza di patologie prostatiche o malattie croniche (diabete, Parkinson, demenza).

STEP 2: ESAME OBIETTIVO. Dopo una prima valutazione di cuore, addome e sistema nervoso, per la diagnosi si procede ad una prima ispezione dei genitali. Negli uomini l’ispezione dei genitali esterni è fondamentale per la diagnosi dell’incontinenza, per escludere fin da subito la presenza di fimosi e ispopadia, due anomalie anatomiche con caratteristiche diverse; mentre per fimosi si intende il restringimento patologico del prepuzio, l’ipospadia è la conseguenza di uno sviluppo uretrale incompleto, che determina uno sbocco urinario in sedi diverse da quella anatomica.

Dopo aver accertato l’assenza di infezioni, infiammazioni e tumefazioni nella regione inguino-scrotale, il medico procede nell’ispezione rettale, cuore della diagnosi, unico modo per valutare consistenza, volume e simmetria della ghiandola prostatica.

STEP 3: ESAMI MEDICI APPROFONDITI. La persistenza di alcuni sintomi può spingere il medico alla prescrizione di ulteriori esami per la diagnosi dell’incontinenza: in primis quello delle urine, per evidenziare eventuali infezioni, e la citologia urinaria, utile nei casi di riscontro di sangue nelle urine o di fattori di rischio per i tumori dell’apparato urinario, che attraverso la misurazione del PSA (antigene prostatico specifico) valuta la presenza di patologie prostatiche. È possibile che il medico richieda anche un’ ecografia dell’addome, nel caso la diagnosi ipotizzi calcoli, polipi nella vescica o un ristagno post minzionale, e ulteriori test specialistici per visualizzare (attraverso un mezzo di contrasto, un’uroscopia o un cistoscopia) uretra, vescica, volume urinario, velocità di uscita del getto.

Ti è stato utile questo articolo?

La tua opinione è importante: lascia un commento che aiuti a migliorare i nostri contenuti.

Nome*:
Cognome*:
E-mail*:
Recapito telefonico:
Messaggio*:
Informativa:

Autorizzo ai sensi della legge 675/96 il trattamento dei dati personali trasmessi.
I campi contrassegnati da * sono obbligatori.

Ti potrebbe interessare

Serenity Light: un rimedio adatto per darti protezione e serenità in caso di piccole perdite di urina.

Un rimedio adatto per darti protezione e serenità in caso di piccole perdite di urina.
Scopri di più Acquista
Serenity light
Incontinenza urinaria, diabete, obesità

COSÌ DIVERSI, COSÌ INSIDIOSI

Una si manifesta con l’eccessivo accumulo di peso, l’altra con un’alterazione dell’attività insulinica. La prima porta il rischio
L'ipertrofia prostatica

CRESCI TU, CRESCE ANCHE LEI

È quella ghiandola dell’apparato genitale maschile che abbraccia l’uretra appena sotto la vescica; produce il liquido seminale, principale
Le cause dell’incontinenza maschile

COSA C’È DIETRO A UNA PERDITA?

Da urgenza, da sforzo, mista. Da rigurgito, post-minzionale, continua. E ancora l’enuresi, in tutte le sue forme: dietro